RSS

Off Topic(a) Odissea Nello Strazio Quarta Serata

18 Feb

A quanto pare gli ascolti hanno premiato la serata di ieri, Celentano latitava e la manifestazione è andata abbastanza tranquilla, i picchi di emozione della serata sono stati l’esibizione di Patti Smith con i Marlene Kuntz, Brian May con Kerry Ellis e la trombatura della figlia di Zucchero, Irene Fornaciari. Si sono visti anche Shaggy fuori luogo e fuori tema con la povera Chiara Civello che probabilmente ancora si chiede chi gliel’ha fatto fare, come anche Macy Gray probabilmente ubriaca e pesantemente fuori modello balcone, stendendo un piumino pietoso poi su Strazio Morandi e Rocco Papaleo.

Stasera tocca invece ai duetti nazionali, e qualche ospite più o meno internazionale: si comincia alla grande ed infatti David Garret con la sua versione di Smell Like Teen Spirit dei Nirvana apre le danze per Simona Atzori, fantastica ballerina e pittrice italiana…atroce siparietto di Strazio Morandi e Rocco Papaleo sullo spread, sento i primi sommovimenti tellurici nell’intestino.

Prima coppia, Noemi con Gaetano Curreri il cantante degli Stadio al piano, la canzone guadagna in emozione, la ballata in crescendo. Scritta da Fabrizio Moro ha il ritornello più ”appiccicoso” della manifestazione, basta ascoltarla una volta che entra in testa immediatamente.

Un trio Carone/Lucio Dalla accompagnati da Gianluca Grignani sono i secondi ad esibirsi con Nanì, la canzone vorrebbe essere la versione moderna di 4/03/1943 di Dalla ma io ho ancora qualche dubbio, Grignani un po’ fuori tono e su internet girano tante di quelle battutacce su questa canzone che ci si potrebbe scrivere un libro.

La terza coppia momentanea è quella di Dolcenera con Max Gazzè, briosa e radiofonica con testo banalotto si venderà parecchio, Dolcenera si mangia vocalmente il partner come niente fosse, e comunque dei due Gazze era quello con i baffi.

Siparietto Ivanka Sbilenka, la modella con la risata assassina.
Quarta coppia in gara GigggiDalllesssio – Loredana Bertè si presentano con Dj Fargetta con la loro versione remix di Respirare…scusate ma Gigggi in versione da discotruzzo è abbastanza risibile, Loredana sembra più a suo agio come capitello da discoteca ma mi sa tanto di esibizione in playback, mi sembra più probabile che questi due possano vincere e tra l’altro il cd di Gigggi è l’unica cosa che si vede da un paio di giorni.

A seguito arrivano Chiara Civello sopravvissuta a Shaggy e stavolta accompagnata da Francesca Michelin, la vincitrice dell’ultima edizione di X-Factor. La canzone non guadagna più di tanto, più brava la Civello della Michelin.

Arriva la Sabrinona Ferilli, simpatica al punto giusto, comunque se vedremo delle teste rotolare stasera saranno quelle dei fonici e dei microfonisti.

Samuele Bersani accompagnato da Paolo Rossi viene presentato dalla Sabrinona, la raccolta di Bersani che contiene il brano di Sanremo è tra le cose che si vendicchiano, problemi di microfono anche per Paolo Rossi, ah no è la voce sua.

Eugenio Finardi è accompagnato da Beppe Servillo degli Avion Travel ed io ho un momentaneo colpo di sonno.

Mina Nina Zilli si riunisce a Giuliano Palma ed accompagnati da Fabrizio Bosso eseguono quella che forse è la canzone più bella del festival, Per Sempre, ed infatti la versione è struggente quanto basta a far dimenticare la cofana minesca di Nina Zilli, bel trio davvero probabilmente uno dei punti alti della serata, lapsus freudiano di Strazio Morandi che saluta Mina Zilli.

Arisa, accompagnata dal cantante dei La Crus, Mauro Ermanno Giovanardi e da Mauro Pagani al violino esegue La Notte, la voce di velluto di Giovanardi contrasta quella pulita e limpida di Arisa e sottolineano insieme la drammaticità della canzone, altro picco della serata.

Sipario comico con Alessandro Siani, simpatico almeno fa ridere a differenza di Rocco Papaleo.

Direttamente da Amici di Maria La Sanguinaria, Emma Marrone e Alessandra Amoroso duettano in Non è L’inferno e si scatenano. L’abito da Diabolik &/o Eva Kant di Alessandra Amoroso è veramente terribile come anche la pettinatura, ma le voci intonate sono sempre una bella sorpresa. StrazioMorandi ricorda che questa sera verranno eliminate altre due canzoni e come se non bastasse la nuova band preferita dalle bimbominkia arriverò sul palco, si tratta degli inglesi One Direction, viene veramente voglia di cambiare canale.

I Matia Bazar scelgono Platinette come compagno di palco, che recita la prima parte della canzone e Silvia Mezzanotte si unisce con la sua voce, quasi carina la versione, Platinette alias Mauro Coruzzi campione di ironia come sempre si schermisce quasi con tenerezza e risponde a modo suo alle battute dei Soliti idioti della sera precedente, peccato che StrazioMorandi vanifichi il tutto perdendo l’ennesima occasione per starsi zitto.

L’ultima canzone che chiude la gara dei big è quella di Francesco Renga che si esibisce con i Scala Kolacny Brothers è La tua bellezza, anche questa è una delle canzoni favorite del festival e l’esibizione corale è toccante, il tappeto sonoro fornito dal coro è molto bello e la canzone ci guadagna, la voce di Renga splendida come sempre nonostante i problemi di microfono.

Rocco Papaleo si conferma come la tragedia di Sanremo ed io ho finito sia l’imodium che il bimixin, non ho più difese.

Arrivano i One Direction, i cantanti amati dalle Bimbominkia, così giovani e già così phonati, il vocalist è diventato famoso in Inghilterra dopo che si è finto gay per sfuggire alle fan più agguerrite, e non dico altro.

Stasera si chiude la gara per i giovani, quattro quelli rimasti in gara, Alessandro Casillo, IoHoSempreVoglia, Marco Guazzone ed Erica Mou, partono avvantaggiati Casillo con la schiera di ragazzine alle spalle e Erica Mou che ha invece Caterina Caselli come supporto. Personalmente mi piace Marco Guazzone, peccato che la prima sera lo ha un pochino fregato l’emozione, IoHoSempreVoglia hanno di incredibile che sono arrivati sul palco di Sanremo.

Siparietto perditempo con la Siura Tatangela, BobbboVieri e Del Vecchio feat. La Milly Carlucci ,uno fa il calciatore, l’altro pure e lei fa un altro mestiere…RincoMorandi è la stella comica involontaria della serata ma il bagno mi reclama.

Purtroppo neanche il potere di Caterina Caselli è sufficiente a battere quello delle bimbominkia italiote e quindi Sanremo GGiovani lo vince Alessandro Casillo, veramente il peggiore, mentre Erica Mou vince il premio Mia Martini.

Matia Bazar e Chiara Civello vengono trombati e quindi esclusi dalla competizione, e per questa notte e tutto gente e vi lascio con la minaccia di Celentano per domani

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 02/18/2012 in Off-topic(a)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: