RSS

Archivio mensile:agosto 2013

L’informazione è tutto : ma se tu sei un coglione non è colpa mia !!!

Questa è una cosa che ha un certo senso di deja vu, nel senso che quando lavoravo online succedeva spessissimo anche se per motivi diversi, qui da quando lavoro alla guesthouse è successa un paio di volte ma a quanto pare con gli stessi motivi, la cosiddetta privacy.
Che posso benissimo capire ed effettivamente i clienti ne hanno un sacrosanto diritto, però per alcuni motivi si arriva ad un certo punto, che quando si oltrepassa si sfocia nella coglioneria più totale.
Quando si fa una prenotazione via internet da noi, come per qualsiasi altra cosa, anche una banale richiesta di informazioni normalmente viene richiesto un banale semplicissimo indirizzo email.
Se ci scrivono direttamente non ci sono problemi visto che si risponde in automatico, il problema sorge se si usano i portali per la prenotazione o il nostro sito, se scrivono la mail in maniera errata o se la inventano …noi come cazzo gli rispondiamo?

dimenticato_coglione

Esempio 1
Arriva la mail di un cliente che dovrebbe arrivare tra un settimana da noi alla guesthouse e ci pone delle domande tra cui come si arriva da noi dalla Stazione Termini ….fino a qui nulla di strano si direbbe, solo che ad i clienti viene mandata una mail con tanto di mappa e tutte le informazioni possibili e immaginabili su come raggiungerci con tutti i mezzi di terra, mare ed aria possibili. Gli rispondo rimandandogli la mail precedente però all’indirizzo da cui aveva scritto che poi scoprirò non essere lo stesso con cui ha fatto la prenotazione. Perché secondo voi? Perché lui la mail con cui ha fatto la prenotazione non la usa quasi mai e quindi non la legge quasi mai…e naturalmente noi per sapere queste cose dobbiamo guardare nella palla di vetro. Io la palla di vetro non c’è l’ho ma ne ho altre due che si stanno gonfiando a dismisura
Esempio 2
Come direbbe una mia amica l’apice dell’apoteosi : se un cliente mi mette mail fasulla, cellulare ignoto, indirizzo non esistente e nome di fantasia, io come lo contatto? Fortunatamente ci contatta lui in questo caso e quando gli chiediamo il motivo per cui i suoi dati sono leggermente fasulli lui ci risponde naturalmente per motivi di privacy….quindi l’informazione è tutto : ma se tu sei un coglione non è colpa mia.

Annunci
 
6 commenti

Pubblicato da su 08/21/2013 in Clienti Fetenti, Tourist Editions

 

La Ricetta Perfetta dei Ramen Piccanti Perfetti

La ricetta perfetta dei ramen piccanti perfetti

Occorrente : una cucina da guesthouse , una mamma cinese, una porzione di ramen piccanti precotti, un bollitore, una ciotola di alluminio da un litro, acqua .

Kimchi_ramen_Paris

Svolgimento: entrare in cucina , mettere la ciotola di alluminio rivestito sul tavolo , mettere l’acqua nel bollitore ed accenderlo, aprire la confezione di ramen piccanti , adagiarli sul fondo della ciotola di alluminio , aprire la bustina di brodo piccante e spargerlo sui ramen, fare la stessa cosa con la monoporzione di olio di sesamo al peperoncino, prendere dal bollitore l’acqua ormai arrivata a 100° e versarla lentamente sui sui ramen nella ciotola di alluminio , aspettare 5 secondi, prendere la ciotola di alluminio con le mani nude , fare esattamente due passi , ululare, gettare la ciotola di ramen piccanti a terra con le mani ormai ustionate, fare la faccia contrita al povero testimone involontario che poi si metterà a pulire con le lacrime agli occhi sia per la scena che per i fumi di olio al peperoncino che proviene dai ramen piccanti perfetti.

 
9 commenti

Pubblicato da su 08/09/2013 in Mononeuroniche, Tourist Editions

 

MAMMALETURCHE!!!

Mammaleturche !!!

In due settimane di lavoro ne ho già viste abbastanza ma a certe cose non si fa l’abitudine, ora lavoro nella guesthouse del mio fratellino , addetto al desk e gestione prenotazioni , la scorsa settimana nel mio primo giorno lavorativo in solitaria sono arrivate due ragazze turche, si sono presentate presto, talmente presto che l’altro ospite non aveva lasciato la camera!!!

messy-apartment-living

Di circa 22/25 anni vestite di scuro dalla testa ai piedi, e già si crepava dal caldo, capelli a monotreccia una e l’altra coperta da un fazzoletto completamente senza trucco ed un pesante accenno di barba e baffi.. Comunque gli altri ospiti se ne vanno e mentre la signora delle pulizie rifaceva la loro camera le ho fatte accomodare in cucina, parlavano inglese poco e male e con un accento talmente pesante da rendere difficile qualsiasi traduzione.
Finalmente si accomodano nella camera, dopo un caffè e qualche tentativo di chiacchiera, tempo un sonnellino ed un paio di docce complete di rasature varie e sono pronte ad uscire, naturalmente dopo una trasformazione degna di Superman nella cabina del telefono.
Tolti gli abiti scuri , via libera a microminigonne, minitop, tacchi a spillo ,trucco pesante e capelli cotonati, completamente trasformate.
Il problema reale si è mostrato in pieno sette giorni dopo quando sono andate via, al momento in cui la signora delle pulizie è entrata in camera è infartata, la camera era ridotta veramente male e fortunatamente che ero entrato prima di lei a togliere 2 sacchetti pieni di cibo andato a male di un odore tremendo e non c’è oust che funzioni, secondo me era da chiamare un’esorcista….

 
7 commenti

Pubblicato da su 08/03/2013 in Clienti Fetenti, Tourist Editions